News

La Sinfonia di Peccia

Tra aprile e agosto 2023 l’artista Marcel Dupertuis ha beneficiato di un soggiorno presso il Centro Internazionale di Scultura di Peccia (CIS), invitato dal Consiglio di Fondazione, con l’intento di realizzare una scultura monumentale in pietra locale, il marmo Cristallina. 

In parallelo, il CIS ha ospitato una selezione di opere dell’artista in una mostra-dossier dal titolo Dalla materia allo spazio – co-curata da Gianna A Mina e Diego Stephani - che ha evidenziato alcune tematiche centrali del lavoro di Dupertuis e funto da “contestualizzazione” per la monumentale ultima opera dello scultore, dal titolo La Sinfonia di Peccia

L’opera è stata realizzata con il taglio diretto, una tecnica impegnativa, che implica un coinvolgimento assoluto da parte dell’artista. Numerosi disegni, planimetrie schizzate a mano e un’ampia documentazione fotografica completano il lavoro. 

Il titolo stesso della scultura, dalle dimensioni colossali e del tutto inusuali nel contesto cantonale e svizzero, rivela il legame stretto tra artista e luogo d’origine del pezzo, cioè il villaggio di Peccia. A conferma di questa relazione creatasi con la comunità, Marcel Dupertuis ha recentemente stilato l’atto di donazione dell’opera al Comune di Lavizzara. 

In quest’ottica, l’opera si aggiunge alle altre testimonianze d’arte presenti a Peccia, generalmente sotto forma di doni al CIS da parte degli artisti in residenza. Questo interessante e unico insieme di sculture di carattere monumentale farà l’oggetto di un futuro Percorso della scultura in valle, di cui il CF e il CIS si occuperanno in un prossimo futuro. L’opera La Sinfonia di Peccia, rappresenta il primo tassello di questo percorso futuro e il suo perno concettuale e concreto. 

A La Sinfonia di Peccia fanno riferimento i due testi critici allegati a questo rapporto: il primo (di Gianna A. Mina) redatto in occasione dell’inaugurazione della mostra, il secondo (di Matthias Frehner) scritto in un secondo momento. La documentazione fotografica e una documentazione video recente, testimoniano della maestosità del pezzo, pur non riuscendo a restituire l’effetto d’insieme e la maestosità dell’opera, che solo un confronto diretto e fisico con la stessa possono conferire.

Con La Sinfonia di Peccia Marcel Dupertuis dona alla valle, al Cantone, al paesaggio artistico svizzero un’opera di grande valore artistico e ideale, unica nel suo genere. 

In questo contesto, e per sottolineare l’importanza di questa operazione culturale promossa dal Consiglio di Fondazione unitamente al CIS, è intenzione del Municipio di Lavizzara di presentare l’opera alla popolazione, alla presenza dell’artista, in occasione del finissage della mostra a lui dedicata, che si terrà l’ultima domenica di ottobre. 

Testo di
Gianna A. Mina
 

La Sinfonia di Peccia

L'opera monumentale La Sinfonia di Peccia è più di una scultura. È anche architettura, pittura tridimensionale, fatto e apparenza. - La Symphonie de Peccia è il concentrato di un lungo e complesso percorso artistico. Tutto viene richiamato, ordinato e trasformato in una forma complessiva finale grande e semplice, giocosa e calma, statica ma vivace.

La Symphonie de Peccia è composta da quattro blocchi di marmo lavorati con il procedimento del taglio diretto. Tutti provengono dalle cave di marmo della Valle Maggia. Tuttavia, presentano diverse tonalità di grigio e bianco. I quattro elementi sono di dimensione diverse. Le loro forme e superfici sono molto diverse. Tutti, però, hanno la base e la sommità parallele come i fusti delle colonne arcaiche, in modo da poter essere sovrapposti senza soluzione di continuità come nell'architettura dei templi dorici. L'enorme forma della colonna è assicurata da perni d'acciaio che bloccano i tamburi all'interno.

L'elemento più basso è più largo che alto, come la base degli ordini classici di colonne. La superficie superiore orizzontale, al cui centro poggia il primo tamburo, ricorda un tavolo sacrificale preistorico. Il secondo elemento un cuboide, le cui superfici e i bordi sono stati aperti e spezzati, arrotondati e levigati dai ghiacciai e dalle masse d'acqua nel corso degli anni. Il tamburo successivo è stretto e alto. La sua forma è anch'essa irregolare, a parte le superfici orizzontali parallele di appoggio e di copertura, come una deriva di sabbia scolpita dal vento. Questo elemento ha una forma complessiva antropomorfa, come i teschi umani frantumati che l'artista tunisino Kader Attia (*1970) ha realizzato con blocchi di legno basati sulle vittime delle guerre mondiali e coloniali. Il quarto blocco è relativamente stretto e lungo. Assomiglia a un cilindro la cui parte superiore si è staccata. Ma come le tre parti che terminano verticalmente, anche questa parte terminale è lontana da ciò che implica. L'elemento cilindrico era forse parte di una colonna che ha perso la sua forma originale a causa delle distruzione e dell'erosione. Oppure il contrario : ne mostra una nella sua forma grezza, cioè nello stato di schiavo incompiuto di Michelangelo a Firenze.

Ognuno dei quatto elementi, cosi come la scultura nel suo complesso, è in un stato di potenziale cambiamento - verso il completamento o la dissoluzione, rispettivamente la costruzione o la decostruzione. Questa idea è suggerita dal trattamento superficiale del marmo. Tutte le parti sono prima sbozzate dal blocco. I solchi dello scalpello sono visibili ovunque. Il successivo processo di levigatura con scalpelli più fini e pietre abrasive è avvenuto solo in alcuni punti, come la superficie superiore dell'elemento più basso.

Sui solchi granulosi e sulle lische lasciate dallo scalpello sulla superficie, la luce si rifrange in movimenti alluvionali. I segni dello scalpello, a loro volta, formano linee parallele che si fondono l'una nell'altra e talvolta si incrociano, creando ulteriori laghi e vortice di luce. La forma del monumento costituito dalle quattro parti scolpite e impilate l'una sull'altra è assolutamente statica. Tuttavia, il sole splendente nella luminosa conca di Peccia lo trasforma in una colonna di luce fiammeggiante.

Marcel Dupertuis paragona il suo monumento nel titolo a una sinfonia. In questo modo, conferma che il disegno della forma suggerisce il movimento della luce e dei suoni. Fa anche una dichiarazione sulla relazione dei quattro elementi : il primo espone un tema e i successivi lo variano e lo portano in nuove costellazioni. E si può anche concludere che il monumento di Peccia appare in dialogo con il corso del sole come un organismo vivente di luce che si evolve nel tempo.

Le quattro parti sono sottilmente interconnesse attraverso la ripetizione e la variazione, la continuità e la rottura, l'interruzione e il nuovo inizio. Il punto forte è il terzo elemento antropomorfo. Si discosta maggiormente dalla forma ideale stereometrica del parallelepipedo e del cilindro, che sono alla base di tutte e quattro le forme. Il terzo elemento presenta dei fori che possono essere interpretati come occhi, bocche o orecchie, e ci sono sporgenze che suggeriscono nasi, labbra o zigomi, ma senza farne un "volto". L'dea di un volto si accende improvvisamente, ma da un punto di vista minimamente diverso scompare altrettanto rapidamente. A secondo del punto di vista, si vive questo "volto" come un aspetto intatto o come una maschera in frantumi. - Marcel Dupertuis ha creato un'immagine impressionante della minaccia che incombe sull'esistenza umana nel nostro tempo attuale, assediato da guerre, distruzioni e catastrofi. È un'opera esistenzialmente profonda come il monumento in alluminio "Giano" di Kader Attia, recentemente installato davanti alla Kunsthaus Zürich.

Attia ha creato un modello a partire da fotografie di soldati gravemente feriti della Prima guerra mondiale, che ha fatto trasformare da intagliatori locali in Africa in una maquette in legno, che a sua volta è servita da modello par la fusione in alluminio. La sua testa frantumata è accusatoria, Dupertuis collega la traumatizzazione alla rinascita come un gioco cangiante di luci e ombre sui classici detriti della colonna.

Marcel Dupertuis è un artista svizzero che, negli ultimi sessant'anni ha dato un contributo significativo al livello internazionale alla scultura, alla pittura e alla fotografia. Il suo sviluppo inizia alla fine degli anni 1950 con la scultura in ferro costruita, comprende esperimenti spaziali concreti negli anni 1960 e 1970, per poi dedicarsi a riformulazioni indipendenti della figura umana, che mette in discussione dal punto di vista esistenziale. Stilisticamente, si muove tra un realismo arcaico e la messa in scena materiale dell'arte povera. Per la figura dopo Auschwitz e Hiroshima, ha creato il concetto di figura a bastone simile a una locusta, che aggiunge una riformulazione iconica al tipo umano di Alberto Giacometti. Dupertuis ha anche creato opere in marmo che espandono la scultura in tavoli d'offerta e monumenti a colonna in base a considerazioni architettoniche. La retrospettiva al Museo Vincenzo Vela di Ligornetto nel 2022 e la panoramica della scultura svizzera dal 1945 al Kunsthaus Aarau nel 2021 hanno dimostrato in modo convincente che questa artista, che non ha mai cercato il riconoscimento pubblico, ha creato un corpus di opere estremamente vario e idiosincratico.

La scultura "La Sinfonia di Peccia" è un opera in cui l'artista unisce la figura e l'architettura in un idolo a colonna tutto visibile in cui l'esistenza umana, la vita e la morte, sono inscritte in un disegno arcaico della forma. Quest'opera arricchirà l'arte svizzera a lungo termine!

Testo di
Matthias Frehner
Storico dell'arte e curatore

News

Buone Feste!

Affitto spazi e alloggi